Notizia evento di Certaldo Sito internet economico Frese per legno, utensili per legno
Eventi di Certaldo

“Certaldo,
come voi forse avete potuto udire,
è un castel di Val d’Elsa
posto nel nostro contado,
il quale, quantunque picciol sia,
già di nobil uomini e d’agiati
fu abitato”

Giovanni Boccaccio

➜ ULTIME NOTIZIE     ➜ EVENTI DA NON PERDERE

Acqua ad alta qualità, fenomeno fontanello: Risparmi per almeno 1.5 milioni di euro

A Certaldo erogati ben 2644 metri cubi di acqua

➜ Ambiente e Trasporti


Il Sindaco Campinoti al Fontanello di Certaldo
Il Sindaco Campinoti al Fontanello di Certaldo

Nel Basso Valdarno si può tranquillamente parlare di fenomeno fontanello.

Nel 2010, infatti, gli undici fontanelli di Acqua ad Alta Qualità di Acque S.p.A., le piccole ”casa dell’acqua” che erogano in aree pubbliche acqua particolarmente gradevole dal punto di vista organolettico (grazie a sistemi di filtraggio che riducono i composti del cloro e sterilizzano in alternativa con raggi uv) hanno distribuito gratuitamente 12.513 metri cubi, oltre 12 milioni e mezzo di litri di acqua da bere, con un risparmio superiore a 2 milioni e mezzo di euro per i cittadini, se avessero acquistato acqua minerale in bottiglia dal costo di 0,2€ al litro: un aumento del 19,8% rispetto al 2009 durante il quale furono erogati 10.445mc a sostanziale parità di numero d’impianti.

In particolare nell’Empolese-Valdelsa i quattro impianti attivi hanno erogato 7.831 metri cubi: rispettivamente 2824 a Empoli-via della Maratona, 2073 a Castelfiorentino-viale Roosvelt, 2644 a Certaldo-piazza D’Acquisto e 290 a San Gimignano-Belvedere.

Dunque, quasi 8 milioni di litri di litri, con un risparmio superiore a 1,5 milioni di euro, sempre ipotizzando l’alternativo acquisto di minerale in bottiglia dal costo di 0,2€ al litro.

Si diffonde sempre più, dunque, l’abitudine ad utilizzare questi presìdi pubblici ai quali i cittadini si riforniscono autonomamente di acqua ”già buona da bere” con bottiglie e recipienti in vetro ma con un risparmio economico che può essere davvero notevole.

Senza parlare del risparmio ambientale: se si fanno due conti ci accorgiamo che grazie ai fontanelli di Acque S.p.A. nel 2010, nel Basso Valdarno, ipotizzando l’alternativo acquisto di acqua minerale, siamo riusciti a ”salvare il territorio” da almeno 9 milioni di bottiglie di plastica da un litro e mezzo.

Se si considera che per fare 1750 bottiglie di plastica dalla capacità di un litro e mezzo ci vogliono 159 litri di petrolio (un barile), si sono risparmiati più di 5000 barili di greggio, oltre 800mila litri (fonte: La Repubblica-Economia 3 gennaio 2008).

A questi risultati vanno gli effetti positivi dell’eliminazione delle esternalità negative dovute al trasporto, alla logistica delle acque in bottiglia: ulteriore consumo di petrolio, emissioni di anidride carbonica, idrocarburi, ossidi di zolfo, monossido di carbonio etc.

Il progetto Acqua ad Alta Qualità, voluto fortemente da Acque S.p.A. - il gestore idrico del Basso Valdarno - dall’Autorità d’Ambito n°2 e dai comuni del territorio gestito, parte nel 2007 con la sperimentazione dei primi impianti di Pescia, Empoli e Belvedere a San Gimignano.

A differenza di alcune altre esperienze, dove ci si rivolge anche ad aziende private, i fontanelli di Acque SpA sono progettati internamente, realizzati e posti in opera dalle proprie maestranze puntando dunque anche sul bagaglio di conoscenze e capacità dei propri lavoratori.

L’obiettivo di Acqua ad Alta Qualità rimane quello originario: avvicinare la popolazione al consumo domestico dell’acqua di rete, concorrere alla riduzione di rifiuti, offrire opportunità di risparmio economico per le famiglie, più in generale sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della risorsa idrica.

Una recente indagine di mercato condotta dall’Autorità d’Ambito 2 sembra dare ragione al progetto.

Cresce, infatti, il numero di cittadini nel Basso Valdarno che beve abitualmente o spesso acqua del rubinetto: l’odierno 35% contro il 10% del 2005.

La popolazione sta sempre più ”imparando a fidarsi” anche dell’acqua di casa che è buona, controllata, garantita dalle migliaia di campionamenti effettuati direttamente dal Gestore e dagli organismi di controllo come Asl e Arpat.

Nell’immediato futuro è in programma la realizzazione di quattro nuovo impianti e la collaborazione con Unicoop Firenze per la realizzazione di fontanelli presso alcuni punti vendita.

Ma l’obiettivo finale è quello di assicurare in pochi anni la più ampia copertura possibile dell’intero territorio servito.

La mappa dei fontanelli di Acque S.p.A.

25/1/2011 Acque S.p.A.

Ti piace questo articolo?
Consiglialo su Google, clicca su +1!

Chiavi di lettura: Acqua (40), Acque S.p.A. (22), Fontanello (8), Risparmio (5), Empolese Valdelsa (2), Bottiglie (2)